Ciclovia Parchi di Calabria: 545km di rara bellezza

Condividi

Ciclovia Parchi di Calabria 545km di rara bellezzaSapevate che in Calabria esiste una ciclovia che si estende per tutta la regione? Ebbene sì, stiamo parlando della Ciclovia Parchi di Calabria che con i suoi 545km di percorso tracciato, attraversa tutta la dorsale appenninica, interessando un’area protetta vasta circa 350.000 ettari con un patrimonio paesaggistico, di biodiversità, di endemismi vegetali ed animali, di borghi incantati che custodiscono tradizioni enogastronomiche e culturali.

La Ciclovia Parchi offre un’opportunità senza pari di connettersi con la bellezza incontaminata della Calabria. I ciclisti si troveranno circondati da paesaggi montani, fitti boschi e scorci panoramici che abbracciano il Mar Ionio e il Mar Tirreno. Il percorso copre una vasta gamma di ambienti naturali, spaziando dal Massiccio del Pollino alle alture della Sila con i suoi laghi cristallini, passando dal parco regionale delle Serre, luogo di culto e storia fino alle maestose cime dell’Aspromonte.

Attraversare la Calabria lungo questa ciclabile significa abbracciare la diversità paesaggistica della regione. La Ciclovia Parchi non è solo un viaggio nella natura ma anche un’occasione per scoprire la ricca storia e cultura della Calabria. Lungo il percorso, i ciclisti possono visitare antichi borghi, castelli medievali e siti archeologici che narrano le storie del passato.

Oltre a essere un’esperienza immersiva nella natura e nella cultura, la Ciclovia Parchi promuove uno stile di vita sano e sostenibile. I ciclisti possono godere del piacere di esplorare la regione a un ritmo tranquillo, godendo dell’aria fresca e del contatto diretto con l’ambiente circostante.

Pedalando lungo la ciclabile, i ciclisti avranno l’opportunità di esplorare affascinanti centri storici con strade lastricate, architetture medievali e musei offrendo una pausa culturale durante il viaggio.

Nel Pollino
PollinoUn’immersione nella Calabria naturale suddivisa in 15 tappe con partenza dal Parco Nazionale del Pollino. La prima tappa interessa i borghi di Laino Borgo, Mormanno e Morano Calabro; nella seconda tappa si tocca la Calabria arbëreshe attraversando i paesi di San Basile, Saracena, Firmo, Lungro, e Acquaformosa fino ad arrivare a San Donato di Ninea; la terza tappa scende fino a Tarsia, dove è possibile visitare il campo di smistamento di Ferramonti di Tarsia e il Museo della Memoria fino a arrivare all’umile e antico borgo di Bisignano dove si possono visitare i ruderi del castello bizantino-normanno e la cattedrale risalente al XIII, fino ad arrivare ad Acri la porta della Sila Greca.

 

Nella Sila
SilaIl percorso nella ciclovia cosentina finisce qui e si sale verso quella catanzarese che inizia a 1262 m per poi scendere di qualche centinaio di metri fino costeggiare l’incantevole Lago Cecita.

Successivamente si entra nel cuore del Parco Nazionale della Sila, il polmone verde della Calabria, attraversando le località silane di Campo San Lorenzo e Croce di Magara, sovrastati dai Giganti della Sila si arriva al Villaggio Silvana Mansio, il villaggio delle fatine, dei folletti e del Treno della Sila fino a raggiungere quota 1565 m per poi scendere verso Lorica.

Da Lorica si arriva a Villaggio Rovale sul lago Arvo fino ad arrivare al lago Ampollino per poi salire verso il borgo di Trepitò e riscendere verso i villaggi di Racise e Mancuso. Il percorso silano scende verso Albi, per poi raggiungere gli incantevoli borghi di Taverna, paese natale di Mattia Preti, Sorbo S. Basile, Fossato Serralta, Gimigliano e Tiriolo, il paese dei due mari.

Il viaggio della Ciclovia della Sila Piccola catanzarese prosegue nella valle del fiume Corace, passando Settingiano, Marcellinara dove si trova l’Istmo d’Italia (il territorio più stretto d’Italia), Sarrottino e il borgo di origine arbëreshe di Caraffa fino ad arrivare a Girifalco famoso per l’ex ospedale psichiatrico di Girifalco, già convento dei frati minori riformati e divenuto recentemente complesso monumentale alle porte del Parco Regionale delle Serre.

Nelle Serre
Dalla Sila catanzarese si arriva nel Parco delle Serre, salendo a 888 m su Monte Covello, Passo Fossa del Lupo per poi riscendere verso Cenadi, San Vito sullo Ionio, Chiaravalle e Torre di Ruggero.

Da qui si risale per un centinaio di metri passando per i borghi di Simbario e Spadola per poi trovarsi in uno dei luoghi più mistici e religiosi della Calabria: Serra San Bruno.

Nella Ciclovia Serrese è possibile fare la variante verso Polia, Monterosso, il Lago Angitola, San Nicola da Crissa e Torre di Ruggiero. Da Serra San Bruno si passa nel paese di Mongiana, conosciuto per le Reali Fonderie Borboniche, per poi salire a quota 1000 m in direzione del paese montano di Fabrizia.

Nell’Aspromonte

La Ciclovia dei Parchi di Calabria dal Parco delle Serre arriva a Canolo sulle Dolomiti dell’Aspromonte, da qui si aprono paesaggi selvaggi, aspri e d’incantevole bellezza come il Passo del Mercante, il percorso sullo Zomaro e i Piani dello Zilastro e Zervò, passando dalla Valle delle Grandi Pietre fino ad arrivare a Gambarie d’Aspromonte. Da qui si scende verso le falde dell’Aspromonte e si giunge nel bellissimo lungomare di Falcomatà nella città di Reggio Calabria, dove termina il percorso della Ciclovia Parchi di Calabria.

Lungo la Ciclovia Parchi sono disponibili servizi dedicati come noleggio e assistenza di biciclette e strutture ricettive immerse nella natura. Oltre ad essere un viaggio s0stenibile e culturale è anche enogastronomico. Lungo il tragitto, i ciclisti possono assaporare la cucina locale, ricca di sapori mediterranei e prodotti tipici calabresi.

La Ciclovia Parchi in Calabria è un invito a esplorare la regione in modo sostenibile, immergendosi nella sua bellezza naturale e abbracciando la sua cultura millenaria. Per chi cerca un’esperienza ciclistica unica, questo itinerario offre la combinazione perfetta di avventure all’aria aperta e scoperta culturale.

La Ciclovia Parchi di Calabria è un’opportunità unica per esplorare la regione in modo sostenibile scoprendo non solo i Parchi naturali Calabresi, ma soprattutto scoprire quei borghi custodi dell’autenticità calabrese. La Ciclovia dei Parchi della Calabria ha ottenuto il primo posto alla sesta edizione dell’Oscar italiano del cicloturismo.

Per maggiori informazione potete visitare il sito ufficiale della Ciclovia Parchi di Calabria https://www.cicloviaparchicalabria.it/it/.

Buona Scoperta!


Condividi
Visto da: 226
© 2024 CalabriaGo. Tutti i diritti sono riservati - P.IVA 03355310792 ® Marchio Registrato - Design WeBlasa
Cookie policy - Privacy policy - Condizioni Generali - Contatti
MENU