Cosa fare e vedere a Serra San Bruno, un’oasi naturale tra storia e spiritualità

Condividi

Corrado Alvaro, uno dei maggiori scrittori del Novecento la descriveva così: “Serra San Bruno è il paese di Calabria in cui si vorrebbe sostare. Ha un colore alpino e vi arriva spiritosa l’aria del mare. E poi è nell’atmosfera di una delle più antiche tradizioni calabresi, il monachesimo.”
Immerso nel Parco Regionale delle Serre, sorge uno dei luoghi più mistici e affascinanti della Calabria: Serra San Bruno. Questa località è famosa per la sua bellezza naturale, il patrimonio storico, culturale e artigianale e il suo stretto legame con la spiritualità grazie al Monastero Certosino e al Santuario di Santa Maria del Bosco. Infatti, Serra San Bruno è il luogo perfetto per rigenerarsi, per sfuggire dalla monotonia, per allontanarsi dal turismo di massa e per vivere la bellezza naturale e culturale del Parco.
Con questo articolo, vogliamo consigliare alcuni luoghi da visitare e attività da fare se fate una gita o un’escursione a Serra San Bruno:

– Certosa e il Museo di Serra San Bruno
Il Monastero Certosino o Certosa di Santo Stefano è il cuore di Serra San Bruno ed è una delle principali attrazioni della città. Fondato nel 1091 da San Bruno, il monastero è una delle poche certose ancora in attività in Italia. I visitatori possono esplorare la chiesa, il chiostro e il museo, ottenendo un’idea della vita monastica e della storia religiosa della regione. Nel museo della Certosa di San Bruno si trova una collezione di opere d’arte, manoscritti antichi e reperti storici che raccontano la storia della certosa e della zona circostante.

 

– Santuario di Santa Maria del Bosco e il dormitorio di San Bruno
Il Santuario di Santa Maria del Bosco insieme alla Certosa sono i luoghi religiosi più visitati del paese. Il Santuario sorge tra abeti bianchi secolari e tra faggi, in un luogo mistico, in cui tutto ruota intorno la natura e la spiritualità. Questo luogo fu visitato da Papa Giovanni Paolo II nel 1984. Il Pontefice celebrò anche una celebrazione eucaristica nell’ampio piazzale dove vi è anche il laghetto in cui San Bruno si immergeva per pentirsi dai suoi peccati.

Cultura ed enogastronomia
Anche nel centro storico di Serra San Bruno si sente il calore spirituale; infatti, esso è ricco di chiese ed edifici storici. Tra le chiese più importanti troviamo la chiesa di San Biagio, la chiesa matrice del paese. Le altre chiese che arricchiscono il centro storico di Serra San bruno e vi consigliamo di visitare sono: la chiesa di Maria SS dei Sette Dolori, la Chiesa di San Rocco, la chiesa di San Girolamo e le chiese di Maria SS Assunta in cielo Terravecchia e Maria SS Assunta in cielo di Spinetto.  Quest’ultima conserva un’opera di grande importanza, l’Assunzione. L’Assunzione, un quadro di Bernardino Poccetti, ispirato ad una tela dal soggetto identico conservata nella chiesa della SS. Annunziata di Firenze. Oltre all’aria fresca e pulita nel centro storico di Serra San Bruno, si sente l’odore dei prodotti tipici locali, come il fungo porcino di Serra San Bruno, che provengono dalle cucine dei diversi ristoranti e trattorie presenti. Altri piatti tipici di Serra San Bruno troviamo, la pasta alla serrese, a pitta china, salumi, formaggi e tanto altro..

– Museo Botanico Villa Bonitas
Il Museo Botanico Villa Bonitas è un tesoro floristico, erbario e orto botanico, nel quale sono presenti più di 1.300 specie di piante e sono classificate numerose specie di funghi. Questo patrimonio è il luogo ideale per gli amanti della flora al fine di scoprire i segreti che la vegetazione custodisce.

– Il mondo della Preistoria
A pochissimi chilometri da Serra San Bruno, nel comune di Simbario, c’è un luogo che fa tornare indietro nel tempo, precisamente alla Preistoria. Il Mondo della Preistoria è un parco tematico dedicato a diverse specie di animali preistorici ed alle prime forme di vita apparse sulla Terra. Un viaggio nel tempo che parte dalle origini, dai primi esseri viventi apparsi in ambiente marino circa 635 milioni di anni fa, fino ad arrivare alla comparsa dell’uomo.

– Reali Fonderie Borboniche e il MUFAR
A Mongiana, piccolo comune attaccato a Serra San Bruno, sorge un tesoro storico culturale unico che ha caratterizzato per un periodo questo luogo: Le Reali Fonderie Borboniche. È stata l’industria più grossa e avanzata dell’800 e con il numero maggiore d’impiegati. Le Reali Fonderie Borboniche di Mongiana sono state ufficialmente il polo siderurgico del Regno di Napoli e un modello di riferimento nello scenario globale di allora. All’interno del sito troviamo il MUFAR, Museo Fabbrica delle Armi delle Reali Ferriere Borboniche.

– Escursioni, trekking e natura
Come abbiamo detto all’inizio del nostro articolo, Serra San Bruno è il comune centrale del Parco Regionale delle Serre, e il suo territorio oltre ad essere un luogo di fascino culturale, religioso ed enogastronomico, è soprattutto un’oasi naturale. Il territorio di Serra San Bruno, infatti, è ricco di boschi, laghi, fiumi e cascate e proprio da qui passano numerosi percorsi trekking e sentieri naturalistici. Tra i percorsi trekking più belli e importanti di Serra San Bruno citiamo: il Sentiero naturalistico Archifòro, il sentiero naturalistico Pecuraru Lu Bellu, il Sentiero Lacina Lu Bellu e Lacina Ferdinandea, il Sentiero del Brigante, il Cammino Basiliano, il Sentiero Italia CAI, la Via dei Carbonai e Sui passi di Serra San Bruno (un percorso trekking spirituale). Oltre a questi sentieri naturalistici per gli amanti dello sport e delle avventure, a Serra San Bruno passa anche la Ciclovie Parchi Calabria e vi sono presenti diversi parchi avventura, come ad esempio Adrenalina Verde.


Condividi
Visto da: 1.209
© 2024 CalabriaGo. Tutti i diritti sono riservati - P.IVA 03355310792 ® Marchio Registrato - Design WeBlasa
Cookie policy - Privacy policy - Condizioni Generali - Contatti
MENU